I 6 elementi essenziali per una strategia di marketing efficace

Di Paola   |  

dicembre 18, 2017   |  

Orange Blog   |  

Nessun commento

Home / Orange Blog / I 6 elementi essenziali per una strategia di marketing efficace
I 6 elementi essenziali per una strategia di marketing efficace

Succede spesso di avere l’impressione che alla nostra strategia di marketing manchi qualcosa. Talvolta le vendite non si chiudono, anche se abbiamo un ottimo prodotto. Altre volte capita che gli sforzi che facciamo non generino abbastanza vantaggi.

Molte aziende – il 78% – non sono soddisfatte dei loro tassi di conversione delle vendite.

strategie

Indipendentemente da ciò che stiamo vendendo o dove si trova il problema, ci sono 6 elementi chiave di qualsiasi strategia di marketing efficace. Ecco una raccolta di consigli su questi 6 elementi essenziali.

1. Iniziare con una storia persuasiva.

Erin Berman, fondatrice di Blackbeard Studios, un’agenzia digitale creativa, è una consolidata storyteller del marchio ed esperta di marketing iniziale che ha aiutato decine di start-up a raggiungere più clienti.

Secondo Berman, il marketing efficace contiene tutti gli elementi di una storia irresistibile. Questi includono personaggi (target audiance); le loro sfide (punti di dolore) e motivazioni (risultati desiderati); un setting (che collega i punti); ostacoli (al risultato desiderato); il climax (il valore che fornisce la soluzione); e una conclusione (il possesso di quel valore).

Una volta che abbiamo questi elementi in gioco, possiamo iniziare a costruire il messaggio centrale che dimostra come il nostro prodotto o servizio sposta il pubblico da dove si trova ora fino a uno scenario ideale dove le loro vite sono migliorate.

Berman consiglia agli imprenditori e ai venditori: “considera i racconti che ti hanno affascinato e fornito la tua più grande missione nella vita. Non preoccuparti se la tua risposta sembra sciocca o eccessivamente complessa. Fai fluire la tua energia creativa, quindi scrivi”.

2. Sviluppare competenze tecniche.

Man mano che il numero di canali di distribuzione messaggistica consinua a crescere, il numero di sistemi necessari per integrare questi canali cresce con esso. Christine Alemany di Trailblaze Growth Advisors spiega: “Bisogna avere molto più di una comprensione superficiale delle tecnologie sottostanti coinvolte nell’intero ecosistema per stabilire con successo le modalità che consentono di gestire un programma di marketing”.

Mano a mano che gli sforzi di marketing maturano, si deve assicurarci di investire nella tecnologia, nell’istruzione e nel personale necessario per mantenere questi sforzi efficaci a lungo termine.

3. Coordinare la messaggistica.

Tutti gli sforzi di marketing dovrebbero essere basati su una strategia unificata, nel senso che dovrebbe essere raccontata una storia coerente su tutti i canali e i punti di contatto con i clienti.

Brian Clark, fondatore e CEO di Rainmaker Digital, afferma che la messaggistica disgiunta è uno dei maggiori ostacoli al raggiungimento di un ROI significativo per i programmi di marketing digitale, ma anche uno dei più comuni.

“Fino ad oggi, vedo le persone che si riferiscono al content marketing, al social media marketing e all’ottimizzazione dei motori di ricerca come tre cose diverse – come se ognuna fosse una tattica che può farti arrivare da sola”, dice. Invece Clark sostiene che ciascuna di queste tattiche, e tutte le altre che usiamo, dovrebbero fare parte di una “strategia olistica incentrata su un contenuto irresistibile”.

E a proposito di contenuto…

4. Il content marketing determina la tariffa.

Il contenuto dovrebbe essere il fondamento di qualsiasi strategia di marketing moderna. Ci sono molte opinioni divergenti su cosa rende i contenuti grandiosi, ma sopratutto, i contenuti dovrebbero essere autentici, dovrebbero derivare dalla storia di marca. Sfortunatamente, molte aziende sembrano ancora produrre contenuti per se stessi, che alla fine non portano da nessuna parte.

Robert Rose del Content Marketing Institute afferma che “se non stiamo realmente costruendo una raccolta di risorse connesse, allora non stiamo veramente costruendo nessun investimento di valore. Quello che stiamo costruendo sono solo singole risorse ad hoc che gettiamo contro il muro sperando in qualche bastone”.

Il contenuto bello è rilevante per i clienti e per il marchio, aggiungendo valore per i consumatori, in modo da allinearsi alla missione più ampia dell’azienda.

5. Inserire le voci dei dipendenti.

I contenuti autentici si basano sulla voce unica del brand e i dipendenti fanno parte di quella voce. John Hansen di Recall Americas raccomanda alle aziende di responsabilizzare i dipendenti a diventare sostenitori del marchio. “Molte organizzazioni sono riluttanti a lasciare andare il controllo per paura di come i dipendenti modificheranno il messaggio di marketing”.

Piuttosto che temere ciò che potrebbero dire, i leader aziendali e gli operatori di marketing dovrebbero incoraggiare i dipendenti a parlare dei servizi e del valore che la loro organizzazione offre. Se ci fidiamo dei dipendenti, loro premieranno tale fiducia.

6. Concentrarsi sul branding, non sulla vendita.

Il messaggio di marketing dovrebbe sempre incentrarsi sul raccontare la storia dell’azienda, non sulla vendita dei prodotti o servizi.

Invece di cercare di raggiungere tutti, la storia risuonerà con i clienti che condividono i valori comunicati e li attirerà. Il leggendario marketer Gary Vaynerchuk usa Apple come esempio di un’azienda che ha dominato la narrazione strategica del marchio.

Chiede “Quando, se mai, hai ricevuto una pubblicità da Apple che ti dice di ACQUISTARE il loro prodotto? Non succede mai. Apple si concentra sulla costruzione di una relazione.”

Il marketing di Apple attira potenziali clienti nella propria storia del marchio, mostrando loro com’è la vita quando vivono quella storia (utilizzando i prodotti Apple). I risultati parlano da soli.

Il marketing è sia un’arte che una scienza e, se stiamo lottando per farlo bene, dovremmo prendere spunto dagli esperti. Iniziamo con il concentrarci sull’attuazione dei sei elementi critici sopra delineati e potremmo persino diventare uno di essi.

Articolo liberamente tradotto da: https://goo.gl/QhvyBL

Condividi :-