Immagine, le tecniche di presentazione del messaggio

L'immagine, come presentare il messaggio

Di Paola   |  

settembre 14, 2018   |  

Orange Blog   |  

Nessun commento

Home / Orange Blog / Immagine, le tecniche di presentazione del messaggio
Immagine, le tecniche di presentazione del messaggio

Questo articolo fa parte di una piccola “trilogia” di articoli che, idealmente, andrebbero letti insieme, per avere un quadro completo di quelle che sono le principali esigenze del marketing e della comunicazione. Sono i TRE lati della medaglia (ehm) del marketing:

  • Immagine, come presentare il messaggio

  • Direzione, l’obiettivo, la direzione che deve prendere il messaggio

  • Contenuto, il contenuto del messaggio e come ottimizzarlo

 

L’IMMAGINE, come presentare il messaggio

  • Lo Storytelling
    Invece di parlare di fatti, informazioni, benefici, funzionalità, punti di forza… raccontiamo una storia.

    Una storia è più ricordabile, una bella storia non si dimentica.
    Una storia permette di superare le diffidenze e di avvicinare le persone.
    Una storia può essere condivisa, la narrativa è da sempre lo strumento principale di divulgazione delle informazioni e della conoscenza.

 

  • Il Posizionamento, apriamo gli orizzonti
    Le persone sono attratte dalle grandi prospettive, dagli orizzonti più ampi, dagli obiettivi più nobili. Spesso si ha più ritorno economico quando proviamo a “sparare alla luna” che a migliorare il prodotto.

    Un obiettivo nobile motiva le persone.
    Un obiettivo nobile stimola l’attenzione delle persone rispetto al rumore di fondo.
    Un obiettivo nobile dà l’idea che tu sia speciale, che tu sappia come gestire le cose, che tu abbia più possibilità di avere successo.

 

  • Porta un’esperienza, non solo plus di prodotto.
    Sì, le capacità, il prodotto, il servizio, il prezzo concorrenziale… tutte cose bellissime e il tuo prodotto fa cose che gli altri non fanno. Ciononostante è l’esperienza d’uso, è la percezione che l’utente ha di tutti i plus di prodotto che conta davvero.

    Le esperienze e le percezioni: questo è il marketing.
    Le esperienze e le percezioni, cioè quello che le persone si ricordano e riaffiora facilmente.
    Chi non riesce ad evocare ricordi o sensazioni, dovrà sempre lottare per vendere i propri prodotti.

    Le esperienze e le percezioni sono ciò che le persone condividono tra di loro. Non i plus di prodotto.

  • Bonus – Prima di tutto aggiungere valore, poi vendere.
    Esiste una falsa idea del marketing secondo la quale questa deve per forza riguarda il momento di vendita del prodotto. Non è così, ma certamente se aggiungiamo valore al prodotto, se lo facciamo conoscere e ne evidenziamo l’utilità, il momento di vendita sarà più semplice e veloce.

    Nei servizi, per esempio, insegnare significa legittimarsi come persona autorevole.
    Nei prodotti, aggiungere valore abbassa le difese dell’acquirente, perché si rende conto di non aver niente da perdere nell’acquisto.

 

 

 

Condividi :-