10 SUGGERIMENTI PER IL CONTENT MARKETING DEL 2018

Di Paola   |  

gennaio 16, 2018   |  

Orange Blog   |  

Nessun commento

Home / Orange Blog / 10 SUGGERIMENTI PER IL CONTENT MARKETING DEL 2018
10 SUGGERIMENTI PER IL CONTENT MARKETING DEL 2018

Non possiamo sapere esattamente quale sarà il futuro del content marketing B2B nel 2018 quindi, invece di fare supposizioni, preferiamo tenere bene presenti questi 10 utili approfondimenti per la strategia di content marketing B2B dell’anno prossimo.

Content marketing

1. QUANDO SI TRATTA DI CONTENT MARKETING, ATTENERSI AI PRINCIPI DI BASE

Nel 2017, gli addetti al content marketing si sono resi conto che attenersi alle informazioni di base può dare risultati sostanziali. Aaron Orendorff, Content Marketing di Shopify Plus spiega come.

Nel content marketing, è importante:

    • identificare preziose parole chiave che il target di mercato sta già utilizzando
    • cerare contenuti scritti espliciti ottimizzati per la ricerca

    • aumentare il contenuto scritto con dati e immagini ricchi
    • offrire ai visitatori inviti all’azione pertinenti per inserirli nella canalizzazione.

2. CARICA I TUOI CONTENUTI CON I CONTRIBUTI DEGLI INFLUENCER

Orendorff prosegue affermando che invece di creare attività di marketing da solo o addirittura come team di marketing, è necessario rivolgersi a influencer esterni o esperti interni per contributi originali. Dice “rendilo il più semplice possibile, fornendo indicazioni chiare e ponendo solo una domanda alla volta.”

Garrett Ruiz, responsabile del marketing globale dei contenuti di BlueJeans, ha sfruttato un approccio di influenza simile nella sua azienda. Speiga: “siamo passati da un modello di trasmissione in cui i contenuti erano incentrati sull’educazione del nostro pubblico di riferimento, sulla nostra attività, o sui nostri prodotti, a un modello di coinvolgimento e difesa. Abbiamo cercato temi di mercato per collegare il nostro marchio a influencer che potrebbero aiutarci a raccontare queste storie”.

“Ad esempio, abbiamo chiesto agli influencer di inviare le loro opinioni su un tema di trasformazione digitale e abbiamo pubblicato un documento con i loro contributi. Una volta promosso il documento tramite social, questo ha ottenuto 7 volte più tracce e 1,6 volte in più il coinvolgimento, rispetto ai nostri post medi. L’argomento ha risuonato con il nostro pubblico e i collaboratori esterni erano desiderosi di condividere il pezzo con il proprio pubblico”, dice Ruiz.

3. SEGUI I TUOI CONCORRENTI

Bianca Ghose, capo storyteller di Wipro, afferma che i content marketer di successo hanno “perseguitato” il loro panorama competitivo nel 2017. “Conosci la tua concorrenza, quello che stanno dicendo, facendo e persino pianificando!” Dice Ghose. Il suo team, ad esempio, utilizza strumenti come Buzzsumo, Sprinkler e Social Studio, per tenere sotto controllo le conversazioni in corso, le campagne e la condivisione di voci dei concorrenti.

4. PROVA LA TUA STRATEGIA DI CONTENT MARKETING

Oltre a tenere sotto controllo i concorrenti, Ghose consiglia di testare tutti gli elementi della tua campagna, tra cui:

      • Notizie
      • Visual
      • Strategie di canale
      • Unità pubblicitarie utilizzate
      • Posizionamento del modulo di download sulla tua pagina di destinazione.

5. OTTIMIZZA I TUOI VIDEO PER I DIVERSI CANALI DI SOCIAL MEDIA

“Quest’anno abbiamo scoperto che lo stesso video può essere condiviso su piattaforme diverse in modi diversi per risultati molto diversi, afferma Jonathan Seidman, senior specialist, content marketing di ATEN International.

“Ad esempio, è apparso chiaro che caricando direttamente i nostri video sulla nostra pagina Facebook (che li farebbe riprodurre automaticamente, rispetto a un link statico di YouTube che doveva essere cliccato), ha ottenuto molte più visualizzazioni che semplicemente incollando un link.” Basandomi su questi risultati, il team di Seidman ha aumentato la sponsorizzazione dei contenuti video, nonché aumentato il rapporto tra video e contenuto statico, da 1:3 rispetto a 1:20 dell’anno scorso.

Su LinkedIn, Seidman sottolinea che i video non vengono riprodotti automaticamente poiché si tratta di una piattaforma meno rumorosa con contenuti molto meno in lotta per l’attenzione. Al contrario, Seidman consiglia di condividere contenuti come casi di studio, che si sono dimostrati più efficaci su LinkedIn.

6. AMPLIFICA I TUOI CONTENUTI ATTRAVERSO UNA DISTRIBUZIONE A PAGAMENTO

“Il più grande apprendimento per me nel 2017 è stato che una strategia di promozione dei contenuti organici, in particolare sui social, doveva andare di pari passo con una strategia di distribuzione a pagamento. Nel nostro caso, i nuovi annunci di Facebook si sono rivelati un modo molto efficace per collegare i contenuti a potenziali comportamenti di acquisto”, afferma Seidman.

7. NON CREARE NUOVI CONTENUTI QUANDO E’ POSSIBILE RICICLARLI

“Se un’idea funziona, cambia la confezione, la messagistica e il design, il mix di contenuti e il pubblico, e rimettilo in circolazione dopo un ragionevole periodo di raffreddamento”, consiglia Ghose.

Come dice Wallace, “Il contenuto deve essere ripulito! I contenuti più performanti dell’anno, in termini di sessioni, backlink e frammenti di codice, erano i contenuti che avevamo pubblicato l’anno precedente, quindi lo abbiamo aggiornato accuratamente per il nuovo anno, ovvero abbiamo messo nuove immagini, nuove citazioni e persino nuovi contenuti se richiesto e ripubblicato come nuovo. Google ha immediatamente classificato i pezzi più in alto, gli influencer e gli esperti erano pronti a condividere (dato che il pezzo aveva già un po’ di share) e i partner erano spesso pronti a inverstire nei pezzi, dato che avevano il grado di ricerca e il carico di lavoro era leggero per loro.”

“I nostri lettori sono più felici, indicativi della nostra diminuzione della frequenza di rimbalzo e dell’aumento delle risposte via email. Ed è bastata un po’ di diligenza per non produrre nuove reti, ma per guardare indietro, capire cosa ha funzionato o meno e poi ripulirlo”, dice Wallace.

content-marketing-strategy-campaigns

8. CONDIVIDI ESEMPI DI CASI REALI E CASI DI STUDIO

“Pubblicare qualsiasi cosa con meno di 1000 parole senza esempi, schermate o citazioni di altre persone non funziona per noi”, afferma Wallace. “I nostri lettori non vogliono un elenco di suggerimenti importanti a meno che non li mostri: Chi lo fa in questo modo? Come lo hanno impostato? Quali sono le metriche esatte su come funziona?”

Wallace spiega: “Lo attribuisco all’industria “Fake news” in questo momento. Le persone stanno diventando più caute riguardo ai contenuti di cui si fidano e, se non è possibile eseguire il backup di ciò che dici con esempi di persone che lo fanno in questo momento, allora perché qualcuno dovrebbe fidarsi del tuo consiglio sulle migliori pratiche?”

9. NON VENDERE I TUOI PRODOTTI ATTRAVERSO I TUOI CONTENUTI

Nicola Eliot, responsabile dei contenuti presso l’APAC della BBC StoryWork, condivide gli aspetti negativi della vendita attraverso i contenuti. “Nei casi in cui abbiamo tentato di sperimentare con i contenuti pesanti di un brand, non ha funzionato come con contenuti che mantenevano l’attenzione su ciò che è interessante per il lettore”.

10. CREA CONTENUTI CHE SI CONNETTONO CON IL TUO PUBBLICO SENZA UN TARGETING ESTREMO

I professionisti del marketing sono concordi nell’affermare che un approccio valido per tutti non funziona. Spiega Ruiz: “Può essere allettante tentare di tagliare gli angoli quando si parla di segmentazione del pubblico, ma è meglio concentrarsi sulla produzione di ottimi contenuti per un pubblico piuttosto che cercare di parlare a più audiance con contenuti poco personalizzati o (peggio) irrilevanti”.

Ghose, tuttavia, consiglia di non esagerare con i contenuti di iper-targeting. Dice “L’impulso di specificare eccessivamente e il pubblico di micro-segmenti ha rovinato molte (potenzialmente grandi) campagne. Non c’è un profilo cliente perfetto, nessuna persona che possa essere abbastanza esatta. Mentre i segmenti di pubblico personalizzati sono assolutamente fondamentali, nel rendere la strategia di marketing molto specifica, i marketer dei contenuti hanno rischiato di abbandonare grandi gruppi di potenziali clienti.”

Articolo liberamente tradotto da: https://goo.gl/QGJZ1q

Condividi :-