Community Manager, un servizio o un lavoro?

Di TheBot   |  

marzo 12, 2014   |  

Orange Blog   |  

Nessun commento

Home / Orange Blog / Community Manager, un servizio o un lavoro?

Community Manager, un servizio o un lavoro?

Il community manager, o meglio, il community management è un servizio atipico per un’agenzia di comunicazione. Orange Energy Communication è stata per molte volte community manager per i propri Clienti, ma sempre come fase iniziale, nell’ottica della formazione di un community manager interno all’azienda stessa.

Stavolta la situazione è un po’ diversa ed è degna di nota. Parliamo dell’esperienza Timac Agro Italia, del progetto Missione Speciale Timac Agro. Cosa fa di questa esperienza di community manager un “caso” interessante di comunicazione?

Community Manager 2

Il servizio di community manager, l’eccezione che conferma la regola

La nostra professionalità ci impone di suggerire al Cliente con una forte presenza sul Web di formare al proprio interno un community manager, piuttosto che esternalizzare il servizio ad un’agenzia. Perché come anche il social media manager, il community manager è emanazione dell’azienda che rappresenta, è la voce stessa di quell’azienda e solo un dipendente, anzi un quadro di quell’azienda può conoscerne i valori, i progetti, gli umori, le sensazioni, le necessità, la storia, gli obiettivi strategici e tutto ciò che sarebbe necessario conoscere per svolgere al meglio il lavoro di community manager.

Per cui finora ci eravamo sempre limitati ad un servizio temporaneo di community management, volto a coprire temporaneamente e allo stesso tempo a formare il community manager interno.

Stavolta però la situazione era differente. Orange Energy Communication ha ideato, disegnato e creato il progetto Missione Speciale Timac Agro e forse più di ogni altro soggetto, più dei quadri dirigenziali stessi dell’azienda, era in grado di svolgere al meglio il servizio di community manager. Certo, alcuni ostacoli di natura tecnica sono sempre dietro l’angolo, ma il progetto per fortuna demanda l’aspetto tecnico della comunicazione ad uno zoccolo duro di esperti, lasciando al community manager il “solo” compito di animare e preservare la comunità. Una comunità formata da centinaia di persone quotidianamente attive.

E chiunque abbia mai avuto esperienza anche di semplice moderatore di larghe comunità online, sa cosa comporta in termini di tempo e risorse mentali.

Condividi :-