Brand reputation e obiettivi di business

Di ThePing   |  

giugno 17, 2016   |  

Orange Blog   |  

Nessun commento

Home / Orange Blog / Brand reputation e obiettivi di business

Brand reputation e obiettivi di business

La brand reputation sta diventando un tema più discusso di una SEO “fatta bene” o dell’essere primi sui motori di ricerca.
Perché la reputazione è un tema che interessa tutti.

Già, la reputazione.

Brand reputation e personal reputation sono due temi “caldi” nelle aziende, specialmente quando si inizia a maturare la giusta consapevolezza sulla duplice portata dei social network:

  • una portata positiva, intesa come ondata di attenzione, di lettura e di passaparola (= di awareness)
  • una possibile portata negativa, quando informazioni riservate escono dalle mura dell’azienda, o quando il comportamento del personale dell’azienda non è esattamente “da manuale”. 

Il tema della brand e personal reputation acquisterà sempre più importanza nei prossimi anni.
Già oggi i Millenials (e, nei prossimi anni, la generazione y e la z) , verificano ciò che si dice online di un’azienda prima di acquistare un prodotto. E se sono le persone a fare le aziende, va da sé che un comportamento non accettabile di un esponente dell’azienda, documentato attraverso i social network, può arrecare danni anche economici all’intera organizzazione.

La reputazione del CEO di un’azienda conta per oltre il 44% del suo valore sul mercato

Qui la differenza tra mondo fisico e mondo digitale conta poco.

Spesso però mancano le basi per poter sfruttare la propria brand & employer reputation come valore (anche) commerciale: ci si aspetta un ritorno – economico, of course – e un riconoscimento immediato degli sforzi fatti.

La realtà è che, così come avviene per le persone, la reputazione di un’azienda si costruisce nel tempo, non basta una campagna di comunicazione.
Serve creare relazioni con i propri clienti, fare promesse e (soprattutto) mantenerle, attivare le proprie forze affinché i valori che fondano l’azienda trovino conferma pratica in  qualsiasi iniziativa intrapresa, nel mondo fisico come in quello digitale.

E se tutto attorno a noi è comunicazione, allora anche la brand reputation fa parte della comunicazione. Deve essere pianificata e poi costruita con cura: i valori su cui si fonda l’azienda sono le fondamenta su cui si costruisce, ogni giorno, il proprio business.

La brand reputation nelle PMI

Spesso la brand reputation è vista come appannaggio esclusivo delle grandi organizzazioni, che elaborano strategie mirate a difenderla e diffonderla.
Ma le aziende più piccole? Come possono competere con player molto più grandi e con risorse maggiori delle loro?

Niente paura! La reputazione è un valore legato al cosa fa l’azienda, al perché e al come. Non certo al quanto.

Non solo: la reputazione è un lavoro di squadra. Non importa da quanti membri sia composta, l’importante è che ciascuno di loro si comporti in modo da non danneggiare ma, anzi, valorizzare l’organizzazione per cui sta lavorando, soprattutto sui social network.
Perché non si smette di essere dipendenti dell’azienda fuori dall’orario di lavoro. E perché la rete non dimentica.

 

Come affronti il tema della brand reputation all’interno della tua azienda?

Come comunichi i valori dell’azienda all’esterno?

Lasciaci un commento!

Condividi :-